sabato 29 novembre 2014

......

(In questo post parlerò di una cosa accaduta recentemente nella mia vita reale, se non volete nè leggerlo nè commentarlo, non importa)
Ieri sera si è rotto un rapporto che durava da ormai sei anni. Un rapporto non proprio di amicizia nel senso che si intende dare alla parola, ma nemmeno di amore. Un rapporto di rispetto reciproco. Tutto ciò perchè ho osato parlare ironicamente di sua sorella ai miei e per altre cose futili. Mi va bene che ci sia gente che non apprezza battute ironiche, e fin qui ci sto. Anzi, pure io sono un po' permalosa. Ma lasciatemi dire una cosa: un ragazzo della nostra facoltà aveva creato un account tarocco dove si fingeva una tipa pazza che ficcava coltelli negli occhi a tutti. A me aveva rubato il gatto e portato in Alaska in cambio di droga. E a un'altra ragazza aveva addirittura "ficato un coltelo tocato il cervelo que belo. Ammetto che all'inizio ci sono un attimo rimasta nel vedere che il post del gatto rubato avesse avuto decine di mi piace, però poi due miei amici (una di quelli è la ragazza del creatore dell'account) stavano studiando con me e si sono messi a ridere e mi sono messa a ridere anch'io, e quella battuta del gatto rapito l'abbiamo ripetuta miliardi e miliardi di volte. Addirittura io e un mio amico, oltre a mio padre, mia madre, mio fratello, la mia vicina di casa e la ragazza del creatore dell'account ci eravamo messi a scrivere e talvolta a parlare come la "putana asasina". 
Cosa dovevamo fare? Spararci tutti? Io, la ragazza col coltello nel cervello? Ma per favore... 

Ebbene, la sorella di questa persona, per delle cose che avevo detto a sua sorella (e che avevo detto anche ad altri in modo ironico e questi ci avevano scherzato sopra, tranne due ragazze che me l'avevano esplicitamente dichiarato e io ho detto che andava bene così) ha iniziato a insultarmi pesantemente, quando con la sorella non avevo mai usato parolacce e nè detto cose come "colteli neli oki". Sì, avevo aperto un account finto di facebook con intenzioni divertenti, sulla falsariga di quello del mio compagno di facoltà, ma era per gioco. La cosa che adesso mi brucia tantissimo è che la madre di queste due donne era quella che si divertiva di più a scherzare con il mio profilo falso, e adesso, per colpa di sua figlia, rischio di perdere la sua amicizia virtuale, che, secondo me, era importante come un'amicizia reale e quella signora voleva bene al mio personaggio. Tra l'altro, il mio account era a nome del mio gatto e i miei post erano surreali e anche i commenti.  Sì, lo so, non tutti apprezzano l'ironia, però farne una questione di stato no.
Io su Facebook ci sono anche col mio vero nome, ma ci entro molto poco, non scrivo status dall'ottobre 2013 e lo uso soprattutto per la messaggistica (anche se ora con whatsapp lo sto dimenticando).
Ebbene, sono stata accusata di essere pesante, i miei amici sono stati accusati di essere cretini, di non saper mantenersi da soli all'università e di dipendere ancora dai soldi dei genitori. Ha detto che fare gli account tarocchi su facebook è una cosa cretina e che noi dovremmo farci una vita reale. Mi ha accusato di essere una perditempo, di non studiare e di non avere un lavoro. Ebbene..io un lavoro ce l'ho, sono tirocinante in biblioteca ed è un'esperienza costruttiva. 
Questa persona la conoscevano anche i miei genitori. Inizialmente, era la mia prof di ripetizioni perchè in 5^ginnasio non ero molto brava in latino e greco. Poi, col passare degli anni (scolastici) ho continuato a frequentarla, ma più per ripetere le materie che per altro. Mi ha anche aiutato nel redarre la tesina. Anche mio fratello l'ha frequentata, oltre ad un suo compagno di classe, con cui però avevamo iniziato ad essere in brutti rapporti da due anni ormai e che al matrimonio della mia ex prof di ripetizioni è stato di uno sgarbo e di una scorrettezza nei miei confronti, oltre a far uscire il peggio fuori da mio fratello. Da notare, che il giorno dopo ero andata a Trieste, per sistemare la mia ex casa, e oltre a mio fratello c'era un altro suo compagno di classe, e mio fratello è stato veramente simpatico nei confronti di tutta la famiglia. Quindi, sì, era il suo compagno di classe ad averlo condizionato male...e dire che gli avevamo dato un passaggio perchè i suoi non erano venuti al matrimonio. Tra l'altro, la madre di quel ragazzo ha osato ridermi in faccia quando la mia gatta Pallina è morta di una malattia rarissima chiamata VAS. Per dirvi il livello mentale di queste persone. Fatto sta che mio fratello non ha più preso ripetizioni da questa prof perchè si era stufato di lei come persona e alla maturità è uscito con un voto più alto del mio. Di solito io e mio fratello ci facciamo la guerra, però, questa volta, devo ammettere che è stato lui il più furbo e intelligente e ha capito che questa prof non meritava il nostro tempo nè i nostri soldi. Inoltre, la prof si era sposata ed era andata a vivere in montagna. Io l'anno scorso non sono stata quasi mai a casa dai miei (tranne il sabato, e quest'anno torno a casa molto di meno, solo 2 volte al mese, non 4), quindi non ho saputo molti sviluppi della situazione tra mio fratello e questa prof. Mia madre ha detto che a questa prof le bruciava il fatto che mio fratello l'avesse respinta e fosse uscito con un voto più alto del mio (tra l'altro, io nella prova di greco su Aristotele avevo avuto 13/15 e in francese nella terza prova, la prof aveva riciclato un testo dato come compito in classe e quindi ci aveva agevolato di molto) e di quello del suo compagno di classe. Inoltre, questa prof di ripetizioni ha detto carognate come "i bisessuali non esistono" (hai mai provato la bisessualità sulla tua pelle? No. E allora non esprimerti), ma è anche riuscita a fare di peggio: l'ultimo anno delle superiori, io avevo attacchi di panico ogni due secondi due. So di non sembrare sana di mente, ma avevo paura di bucarmi o di buttarmi sotto un treno, avevo il respiro ultra corto e avevo paura di non riuscire ad arrivare alla fine dell'anno. Sì, il blog era già aperto a quei tempi, però l'avevo lasciato marcire perchè avevo una fobia pazzesca di tutto, avevo paura di andare di matto per ogni minima cosa...tutta rabbia inespressa. Ebbene, anzichè dare uno stop alle mie masturbazioni mentali, questa prof me le coltivava, me le faceva aumentare, si crogiolava nei miei problemi, che inizialmente erano niente di chè, ma me li aveva fatti aumentare a dismisura tanto che dopo gli esami, sono stata male fisicamente...giramenti di testa, problemi digestivi...un incubo. Mi aveva addirittura messo contro ai miei genitori e anche contro una persona con cui non andavo d'accordo. è stato un anno psicologicamente duro da passare quello scolastico 2011/2012, tutto ciò poteva essere evitato, se avessi incontrato una persona fresca, libera di mente che mi avrebbe portato alla fine del percorso scolastico con serenità. Quell'anno ero veramente asociale, e credetemi, io sono tutt'altro che asociale, sono estroversa ed espansiva, al punto di chiedermi se talvolta non sono un po' invadente. 
Questa persona ieri sera mi ha preso ad insulti, era totalmente cambiata. Ho addirittura disturbato un po' una mia coinquilina che stava studiando perchè mi ero messa ad urlare al telefono. Mi ha fatto sprecare tempo che potevo investire nel rivedere i compiti di spagnolo o vedendo un video su Youtube. Mi ha insultato per cose minime, bazzecole... non mi importa se qualcuno non apprezza l'ironia degli account finti, ma da qui a farne una guerra e dirmi sadica, bulla e cose del genere, quando in quella famiglia c'era la madre che era la prima a divertirsi con le mie sciocchezze...perchè farne una questione nazionale? Non ho tirato coltelli negli occhi di nessuno. E il ragazzo che ha fatto l'account della prostituta assassina anche se ci insulta, a volte anche in maniera veramente pesante (io non sono stata affatto pesante perchè non riesco ad esserlo, sono soltanto surreale), noi ci ridiamo alla fine tutti sopra. Certo, anche lui ha i suoi detrattori, ma erano solo detrattori che l'hanno bloccato, ma che nella vita reale continuano a parlare con lui. Quel ragazzo in chat mi ha scritto "stronzate tu 6", ebbene, l'ho invitato alla mia festa di compleanno, ho continuato a parlargli in facoltà, e quell'espressione che ha detto su di me, ho continuato ad usarla (a volte per prendere in giro i miei). 
Ho mostrato delle cose che mi aveva detto la sorella di questa donna, e i miei genitori avevano capito subito che era matta. L'ho riferito alla prof di ripetizioni, e lei mi ha detto: "I tuoi ti danno sempre ragione". Quando non è vero. Scommetto che se chiedo ai miei di prendermi il 3DS con il remake di Zaffiro, mi becco un bel sonoro "no" e anche "non devi perdere tempo". Perchè i miei genitori li conosco. 
Il marito di questa mia ex prof di ripetizioni l'ha presa sotto la sua ala protettrice per farle dimenticarle il passato. Peccato però che la mia ex prof si sia dimenticata di tutte quelle volte che è venuta a fare ripetizioni a casa mia e mia nonna e mia madre le preparavano il caffè, la brioche e i muffin. Non ha saputo riconoscere la gratitudine e mi ha preso ad insulti.
A peggiorare le cose, siccome ora ha una bambina (mi aveva promesso le foto, ma non le ha mai spedite e non le spedirà mai), le avevo imprestato un DVD con dei cartoni della Disney che trasmettevano solo in TV e adesso mi dispero perchè erano cartoni che adoravo. Per contro, io, a casa dei miei, ho il suo volume di Persepolis. 

Spero di non avervi tediato, ci sono rimasta di cavolo perchè queste due persone (la sorella e la prof di ripetizioni) hanno reagito in maniera abnorme a delle cavolate. E allora, la "povera" ragazza a cui era stata dedicata una poesia in cui le veniva ficcato un coltello nel cervello, cosa doveva fare, spararsi?
Però ho capito una cosa: non tutte le persone sono portate per apprezzare l'ironia, e questo bisogna accettarlo. Da qui ad insultare pesantemente qualcuno perchè ha osato scrivere battute come "risotto in immersione" oppure "ciao cuginetta (riferito alla gatta)! Salutami pinca palla" oppure "sto twittando che ho una spilla nella borsa e un'altra nello zaino" ce ne vuole. Semplicemente, se non vi piacciono gli account tarocchi di Facebook, lo dite al diretto interessato. Due persone hanno fatto così con me e io non ho più preso l'argomento. E la putana asasina invece è stata bloccata da quattordici persone, però non è stata vittima di insulti da parte di nessuno.
Ieri sera è stata veramente una serata pesante, spero non succeda mia più una cosa del genere solo perchè qualcuno non apprezza delle battute surreali.
Non odiatemi. Io e il mio compagno di corso abbiamo solo voluto scherzare con altre persone, e io sono stata apprezzata da quasi tutti, tranne da quella erba marcia della sorella della prof, e lui invece è stato bloccato da alcune persone, che però continuano a parlargli nella vita reale. 
Spero di essere stata chiara nel descrivere la situazione, se la gente non ha senso dell'umorismo non mi importa, l'importante è che non ingigantisca la situazione quando non è niente di che. Perchè io sono disposta ad essere leggera e tutto, però non voglio che la mia leggerezza sia fraintesa. E dirò di più: alle superiori, un mio compagno di classe si divertiva a prendermi in giro, ma lo faceva in maniera molto ironica e la cosa buffa è che io cercavo le sue prese in giro. Quando una volta, in treno, ha esagerato, io gli ho detto stop, e poi dopo amici come prima. Devo ammettere che a quel ragazzo voglio parecchio bene, e lui facendo così mi considerava.
E poi tutti quei politici o persone che ricevono commenti negativi o ironici per delle loro azioni, cosa devono fare? Chiamare l'FBI? Non so....
(Detto questo, io sulle cose leggere l'ironia l'apprezzo, non l'apprezzo però se qualcuno ironizza su un argomento che non conosce e di cui io parlo seriamente).

E comunque sia, il blog continua ad essere aggiornato! Questo mese difficilmente tiro fuori un'altra recensione, però, quelle di Gumball continuano. E poi recensirò anche altre cose. Chiedo scusa per il silenzio, ma il tirocinio e l'università mi tirano parecchio tempo. Ora però, back to work!



10 commenti:

  1. Risposte
    1. Oggi non sarò di sicuro dell'umore migliore, ma o si fanno commenti approfonditi in questo caso o non si fanno proprio. So che è successo un casino dal nulla, mi pare ovvio. Non sto cercando commiserazione, sto solo dicendo che certe cose vanno commentate in maniera più approfondita. Non dico di essere una santa, cosa che effettivamente non sono, però lo sai bene che i commenti così flash in certe occasioni non mi vanno a genio. Lo dico con tutta tranquillità, se non ti interessa, non importa. Puoi anche essere contrario alle mie idee sull'accaduto o all'intero accaduto, basta che lo esprimi in maniera più chiara, perchè questi commenti troppo familiari non li tollero qui. Se chiarisci la tua idea, sarò felice di ascoltarti.

      Elimina
  2. Ti giuro che una storia così incasinata non l'avevo mai sentita! XD
    Si vede che comunque la cosa ti brucia, per la sua assurdità.
    Evidentemente sotto, almeno da parte loro, c'era altro.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, mi è bruciato parecchio, anche perchè quella persona che mi ha dato su pesante venerdì sera era una persona che ha ricevuto un sacco di attenzioni da mia madre e da mia nonna, quando veniva a casa mia ad aiutarmi con greco e latino, ed era grazie a lei se sono riuscita a passare dal 6 al 9. Sono contenta che tu abbia capito il significato del post, è stato fatto tanto rumore per nulla, per un account finto, poi. Ho fatto apposta il confronto tra il mio account finto (avevo scritto cose veramente assurde e me ne rendevo conto mentre lo facevo) e quello del mio compagno di corso, che invece col suo account finto faceva battute molto pesanti e nessuno si è buttato giù da un ponte o depresso.
      Grazie mille per il sostegno!
      Buona domenica ;)

      Elimina
  3. Facebook è il male supremo e come tutti i social gode di quella inviolabile ambiguità che le persone utilizzano spesso nella maniera peggiore possibile (figurati che a me capita con un videogioco online - league of legends - per il quale esistono dei siti che permettono di vedere in partita con chi stai giocando e che statistiche hanno i tuoi compagni o avversari e sovente viene utilizzato per insultare spesso già a partire dalla lobby senza nemmeno aver visto il giocatore 'in action'!).
    Quindi non aspettarti molto da un mezzo come facebook: il coltelo nel cervelo ce l'hanno molti di quelli che lo utilizzano :°D

    Comunque della storia ho capito vagamente lo svolgimento perché ti sei lasciata andare proprio ad uno sfogo di cose accumulate in diverso tempo, ma la cosa che posso dirti è che di volta faccia nella vita ne troverai a bizzeffe, è capitato anche a me come a tutti credo, quindi utilizza queste esperienze per imparare a discernere bene come comportarti con le persone, non tutti meritano diffidenza ovviamente, ma molti sì!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!
      Bella la citazione al coltelo nel cervelo, mi ha rallegrato <3 è anche per questo motivo che ormai non entro quasi più su Facebook...anche se c'è il gruppo della mia facoltà e forse alle mie coinquiline nuove piacerebbe chiedermi l'amicizia. Per tutto il resto, ci sono gli SMS e whatsapp xD
      Sì, sono un pochino incasinata a volte quando si tratta di spiegare fatti non relativi a cartoni, film, però sappi che volevo un po' mostrare che l'avvenimento di venerdì sera era soltanto la punta dell'iceberg. Mettici pure che la persona che mi ha insultato era una persona che le mie paranoie (nulle e inesistenti) me le aveva fatte diventare giganti e incombenti, dal nulla, e quindi il gioco è fatto. Sono d'accordo al 100% con la seconda parte di quello che hai detto, i miei hanno detto che certe persone buie e pessimiste è meglio lasciarle perdere per strada e non posso adottare sempre lo stesso atteggiamento con tutti (nella vita reale, scherzo abbastanza xD).
      Ringrazio ancora infinitamente te e Moz per il sostegno dimostrato ;)

      Elimina
  4. Ho letto tutto...
    Non so davvero cosa risponderti, a parte l'esserti vicino dicendoti che ti capisco.
    Non sai quante storie simili ho vissuto.
    Ma come si può arrivare in certe situazioni assurde? Rimango allibito...

    Hai fatto bene a sfogarti: ogni tanto ci vuole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille per il conforto! Avevo paura di sembrare matta solo perchè mi ero divertita con account facebook a nome del mio gatto e con cui dicevo solo cose surreali (ho anche detto che le mie due gatte erano moglie e moglie -nella realtà non si sopportano xD, e poi avevo inventato una lista di film ispirati al risotto...insomma, cavolate estreme, però niente che andasse a lenire la dignità personale di qualcuno).
      Ora però torno ad essere seria. La situazione è stata effettivamente MOLTO MA MOLTO ASSURDA. Non è la prima volta che ho vissuto una storia simile neanche per me, il fatto che la parte "offesa" era sembrata idiota a due miei amici e matta ai miei genitori. E non sono neanche una cocca di mamma, perchè io e lei di solito abbiamo visioni contrastanti xDD
      P.S.: grazie, sentivo il bisogno! Ho scritto tutto di getto ieri...stavo pensando di cancellare il post, ma poi ci ho ripensato.
      Grazie ancora a te, a Miki e Alessia! <3

      Elimina
  5. Ti confesso che non ci ho capito molto. Però mi dispiace che ti siano capitate una marea di situazioni spiacevoli, l'ultima in particolare.
    Spero che dopo questo sfogo tu stia un po' meglio, a volte togliersi un peso aiuta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, se non ci hai capito molto e perche ho scritto molte cose accumulate e di getto e quindi ho divagato, inoltre non sono molto brava a narrare fatti quotidiani. Ora sto meglio, anche se mi dispiace acora per il dvd con i cartoni e per la madre delle due, cmq le due le sto cercando di rimuovere dalla mente.
      Grazie ancora!
      <3

      Elimina