venerdì 15 febbraio 2013

I Sopravvalutatoons: REGULAR SHOW

I Sopravvalutatoons: cartoni mediocri, ma non da buttare al cesso
L'argomento di oggi è un cartone sopravvalutatissimo, ma così sopravvalutato che non riesci a capire come mai la gente lo ama così tanto: okay de gustibus non dispuntandum est, ma fino ad un certo punto... penso che le opinioni (sia positive che negative) su qualcosa abbiano lo stesso diritto di essere ascoltate e di guidare, nel bene e nel male, alla valutazione di qualcosa.
Ci sono cartoni e videogiochi che piacciono alla massa ed è facile capire perchè: i personaggi Disney se usati in modo sopraffino (da autori di tutte le epoche) rispecchiano l'umanità (Dino Buzzati docet), Pokèmon, seppure come anime sia appena sufficiente, ha dei film piacevoli ed è la miglior serie di videogiochi del mondo (l'unica -credo- dove uno può scegliere che personaggi usare e (s)cambiarli quante volte vuole) oltre a quella di SuperMario; poi abbiamo altri personaggi famosi, come i Peanuts, che rispecchiano le ansie dell'umanità oppure Mafalda, che vede il mondo con gli occhi acuti dei bambini e offre una protagonista femminile molto rompiscatole quanto arguta e intelligente, SpongeBob non sarà uno dei miei cartoni preferiti (alcuni episodi sono un po' dementi), ma devo ammetterlo, sia dall'ambientazione, che dal character design, che, infine, dalle storie, è una delle cose più sbalorditive mai create (con i pregi e i difetti che ciò comporta). Poi ci sono cartoni che raggiungono la perfezione (Ducktales o Futurama), altri, invece, che, essendo molto lunghi, hanno delle ottime prime stagioni, poi, le stagioni seguenti sono più banali...ma perchè il prodotto, dopo l'ottimo successo iniziale, va avanti solo per vendere. (In questo caso parlo di Alvin and the Chipmunks: le prime 5 stagioni sono piuttosto divertenti e con idee fresche;mentre le stagioni 6 e 7, tranne rari episodi, sono banali; e dei Simpson,le cui stagioni fino alla 10 sono genio puro e poi dalla 11 in poi il cartone inizia a perdere colpi.)
Arrivando al 2010, capisco anche perchè alle persone piacciano My little Pony:l'amicizia è magica e Adventure Time. Il primo, seppure abbia certi episodi mediocri e a volte sia fin troppo femminista (povero Big Machintosh!), ha dei personaggi femminili interessanti e con delle personalità non stereotipate (anche se Rarity è un colpo di genio) che rendono il cartone gradevole,nonostante sia prevedibile e abbia un fandom piuttosto "particolare". Il secondo invece è un prodotto che...o si ama o si odia. Io sono una grande fan di Finn & Jake e del loro mondo pieno di mostri e principesse e vedendo su internet trovo opinioni piuttosto contrastanti riguardo a questo cartone, quindi capisco che non è un prodotto per tutti (quindi, ragazzi, se mai volete guardare Adventure Time, e una persona vi dice -come direi io- "è stupendo" e un'altra invece ribatte "no,fa schifo", ascoltatele, ma senza dar peso nè all'una nè all'altra e guardatevi il cartone, per capire se lo amerete o odierete).
Perchè questa digressione?
Il motivo è semplice, volevo farvi capire perchè alcuni cartoni/fumetti siano giustamente famosi e apprezzati.
Purtroppo...il programma di cui parlo oggi, ovvero REGULAR SHOW è apprezzato...ma... ecco, dopo aver visto un cospicuo numero di episodi, devo ammettere che c'è poco o nulla di gradevole in questo cartone!

Creato da J.G. Quintel, un animatore nato negli anni '80 e diplomatosi nel 2000, in seguito studia animazione alla prestigiosa CalArt. Ma...quanto prestigiosa? Okay, non metto in dubbio il prestigio della scuola d'animazione della West Coast, ciò che devo criticare qui è il cartone. Il cartone va in onda su CN e racconta le vicissitudini quotidiane di Mordecai e Rigby, una ghiandaia blu e un procione ventitrenni, un vero e proprio duo, che lavorano per Benson, una macchinina delle gomme dal carattere simile a Squiddi. Dire che Mordecai e Rigby lavorano è far loro un complimento: i due passano la giornata a buttare il tempo nel cesso e ogni azione che fanno ha conseguenze paranormali...buonanotte e sogni d'oro, gente.

Prima di analizzare i difetti, parliamo dei cosiddetti "pregi": il character design e l'animazione, seppur minimalisti, sono piuttosto originali. Originale è anche la scelta del doppiaggio, i personaggi parlano come se fossero dei giovani adulti annoiati dalla banalità della loro vita, e non come dei cartoni. E Mordecai e Rigby sono un duo simpatico e interessante, ricordano (non poco) Timon e Pumbaa. Peccato che i due tizi siano nel cartone sbagliato, all'epoca sbagliata e nel posto sbagliato. Okay...magari il posto sbagliato in altre occasioni non l'avrei detto, dato che è sempre bello avere due eroi nel cartone/film giusto al momento sbagliato, almeno la trama si avvia. Ma qui, invece la trama pur progredendo, non decolla...è un ossimoro, ma vi spiegherò tra poco perchè.

Poi è importante sapere che il cartone è "PG" (da vedere con i genitori,se si è troppo piccoli): considerando i cartoni una forma d'arte, è giusto che non siano solo per bambini e quindi anche in essi ci siano parolacce (qui sono più o meno mascherate), alcol, allusioni sessuali e via dicendo. Questa è una cosa buona e giusta. E qualche gag carina nella parte iniziale dell'episodio si trova. La cosa invece non tanto buona e giusta è la ripetitività: ogni serie animata ha un tema che si ripete, in maniera più o meno latente, in ogni episodio (ad esempio: I simpson iniziano spesso con la TV accesa, Zio Paperone trova un posto da esplorare per arricchirsi, Alvin corrompe i suoi fratelli, Phineas e Ferb creano qualcosa). Se il tema portante della serie animata c'è, ma è latente, allora la serie animata risulta gradevole, se invece il tema portante fa sembrare gli episodi tutti uguali...allora è il caso di preoccuparsi per una mancanza di originalità. Purtroppo, la ripetitività visibile non è affatto adatta ai prodotti a target medio-alto (come Regular Show).
Eppure, pur non piacendomi Regular Show, c'è una cosa che mi fa innervosire davvero: la petizione per sospendere la messa in onda del cartone. Innanzitutto, chi l'ha scritta sarà una mammina isterica moigeiana del cazzo (scusate) e inoltre c'è libertà di espressione e i cartoni hanno tutto il diritto di essere provocatori...perchè sono una forma d'arte, ecco!!!
Ma vediamo il contenuto della petizione celebrolesa:

A tutti i genitori: Sky sta mandando in onda sul Canale "Cartoon network +1" un cartone che si chiama "Regular Show" dai contenuti assolutamente non adatti ai bambini: si tratta infatti di un cartone dove si possono vedere scene esplicitamente riferibili al sesso. Nella puntata del 15 ottobre 2011 alle ore 12;00, per esempio, si potevano vedere due esseri mostruosi nell'atto di baciarsi con la bocca aperta e la lingua fuori, con tanto di mugolii. Proteggiamo i nostri bambini dal pericolo della tv spazzatura: chiediamo l'immediata sospensione della programmazione di "Regular Show". Se siete d'accordo, firmate la petizione: NO A CONTENUTI SESSUALMENTE ESPLICITI NEI CARTONI DESTINATI AI NOSTRI BAMBINI!
FIRMIAMO IN MASSA!
1) A me Regular Show non piace, però è giusto che i suoi fans lo possano guardare a tutte le ore. Io rispetto i gusti delle altre persone, se non mi vanno con le dita negli occhi.
2) Cartoon Network, non Cartoon Network +1. Demente di una mammina.
3) Mammine del BIP, vi dà tanto fastidio che i vostri figli stiano davanti alla TV? Beh, cambiate il loro stile di vita! Insegnate loro a disegnare, leggete loro un libro, portateli all'aria aperta, se proprio non volete che guardino Regular Show, fategli vedere un documentario o fate fare loro vita sociale. Parlo per chi ha figli sotto gli otto anni d'età. Poi, magari c'è qualche mammina intelligente che mentre un bambino guarda un programma, lo analizza e gli spiega cosa copiare e cosa no. Insomma, la vita di un bambino non ruota solo di fronte alla TV, può anche uscire a giocare e anche se guarda un programma un po' "violento" ma non vietato ai minori.. beh, i bambini NON sono idioti, smettiamola di trattarli come tali, o sennò lo diventeranno davvero!
4) Chissenefrega se due personaggi si baciano con la lingua...la gente ha diritto a limonarsi quanto vuole (e anche i personaggi dei cartoni).
5) Smettiamola con tutto 'sto odio dei messaggi sessuali: trovo più violenza dietro Geronimo Stilton che dice sorridendo di perdonare un criminale prepotente e lasciarlo andare via (Storie da Ridere #35 Quattro topi nel far west). I sorrisi falsi di un "innocuo" personaggio a mio avviso traumatizzano e fanno sentire molto più minorati i bambini di un'allusione sessuale in un cartone.

Ma a parte difendere i fan, Regular Show non è affatto un cartone originale o divertente. Oddio, magari se uno vede l'episodio pilota (di 7 minuti) o alcuni dei primi episodi della prima stagione, può anche sentirsi sbalordito. Innanzitutto chiarisco che Regular Show era nato come un cortometraggio di Cartoon Network da 7 minuti, prima di essere promosso a serie TV. Promuovere a serie Tv un cortometraggio che aveva ormai detto tutto, è stato un grosso sbaglio a mio avviso. Per un adulto (come me), Regular Show può essere simpatico solo se si vedono un paio di episodi, o proprio a piccolissime dosi a ogni morte di papa. E dirò di più: un giorno di febbraio, due anni fa, a casa mia venne un amico di mio fratello, appassionato di manga, fumetti, cartoni (ha visto tutto Ed Edd Eddy) e anime (ha visto tutto Death Note) e in quel periodo Regular Show mi piaceva "abbastanza" (che complimento), quindi mostrandogli la rivista Cartoni dell'aprile 2010 gli dico di questo cartone, e lui (aveva 15 anni all'epoca), mi disse:"Sì, ho visto quel cartone, ma non mi è piaciuto molto". Notare che questo ragazzo ha una cultura fumettistica anche più ampia di me (legge i manga), e quindi il suo parere VALE. E conoscete Vivienne Medrano? E' una cartoonist nata nel 1992, molto colta in fatto di animazione occidentale, e nel suo Tumblr le avevano chiesto (2011) se le piacesse Regular Show e lei ha detto "ormai non lo guardo quasi più".

Ho guardato un bel po' di episodi della prima, seconda e terza stagione (quest'ultima con le scatole stra rotte) e ho notato, che non solo erano ripetitivi per l'accadere continuo di eventi paranormali (anche se Rigby's body era alquanto interessante come episodio), ma addirittura alcuni eventi paranormali somigliavano ad altri avvenuti in episodi precedenti!
(Qui seguono spoiler, se volete risparmiare tempo prezioso, leggeteli)
- Nell'episodio Don, il parco dove vivono Mordecai & Rigby sta per distruggersi e Rigby per salvarlo deve abbracciare suo fratello Don, appunto. Nell'episodio Do me a solid, Mordecai deve emanare una flatulenza per salvare la casa che stava distruggendosi (se non erro).
- Vogliamo parlare di idee strariciclate? Nell'episodio Benson Be Gone, si creano vari cloni di una donna e nell'episodio Temp Check (che è uno dei pochi di qualità sufficiente, discreta in questo caso), Rigby ha una lontra che si assimila a lui fino a diventare un suo clone.
- Party Pete è forse il peggiore episodio che ho mai visto: praticamente si tratta di organizzare una festa di nascosto e poi pulire tutto prima che il capo lo scopri. Un'idea carina, ma un evento paranormale la fa sembrare insipida, quando l'idea poteva essere originale, si cade nel già visto, usando dell'inedito, che però poteva essere un personaggio "comune" e non "fuori dal comune".
- Race against the TV e questo è anche peggio. Combattimenti senza immaginazione e molto convenzionali.
-Brain Eraser anche se l'idea di vedere un personaggio nudo (con il coso coperto, ovviamente) è piuttosto ardita e quindi ottima, l'episodio nella seconda parte consiste nell'attraversare un portale. Quando vidi questo episodio all'epoca lo trovai carino (il tizio che guarda un anime 24 ore su 24 è geniale!), ma dopo le stupidate riguardanti portali & co divennero veramente troppo. Tra l'altro l'idea del portale come passaggio da un mondo all'altro è vecchia come il cucco (a chi dice che è un'idea originale di Quintel, gli rido in faccia)...viene da Aristofane (Nuvole, Rane, Pace e compagnia bella).
-But I Have a Receipt la prima parte, quella "normale", è anche simpatica, la seconda, con il combattimento è arida d'immaginazione e ripetitiva. Inoltre, quando si scopre che il tizio picchiato e vestito da personaggio del gioco è il proprietario del negozio, l'idea è stra riciclata dall'episodio Ello Gov'nor, dove il tipo che viene picchiato è il proprietario del videonoleggio.

Dunque...consiglio o non consiglio Regular Show? Sinceramente, se avete più di 11/15 anni, non vorrete rivedere un episodio più di due volte (una volta è già abbastanza), se siete in quella fascia d'età lì, vi consiglio di guardare anche altri cartoni più interessanti (e ce ne sono un sacco). Insomma, complessivamente, Regular Show va bene se visto a piccolissime dosi o pochissimi episodi. Per il resto, non vi perdete niente. Diffidate dai critici che lo osannano.
Voto: 5/10, ma per colpa dei critici mi sento in dovere di abbassarlo a 4/10.

Però...ho trovato su DVD Sleuth un critico (Sydny Long), che,nonostante sia fan di Regular Show, almeno è conscio del fatto che non può piacere a tutti.
Traduzione (C) mia. Vietato copiarla
[...]Regular Show è stato creato in risposta a un altro cartone surreale, Adventure Time, e, nonostante questi due cartoni siano entrambi unici e strani, sono molto diversi tra di loro. Mentre Adventure Time è ambientato in un mondo dove la realtà semplicemente NON esiste, Regular Show è ambientato nel mondo reale. Seppure i protagonisti siano una ghiandaia blu e un orsetto lavatore antropomorfi, lavorano e affrontano la normale quotidianità. Gli aspetti paranormale del cartone derivano da compiti normali; quindi mentre su Adventure Time regna la casualità, su Regular Show i fatti che accadono sono frutto di causalità. Regular Show è dunque un buon cartone ?
Dipende dalla vostra personalità:siete concreti e odiate gli imprevisti? Allora questo cartone non fa per voi. 
Non guardatelo. [...]

Io non sono una persona concreta, c'è da dire però che detesto gli imprevisti, mi fanno venire ansia. Comunque sia, nonostante la mia personalità non coincida al 100% con la descrizione data dal critico (qualcosa di buono su RS l'ho trovato), sono felice che qualcuno abbia trovato una spiegazione al perchè non tutti possano amare questo cartone.
Alla prossima, e continuate a seguire il mio blog!

 





Nessun commento: